Meccatronica

Il termine “Meccatronica” indica l’area di attività che combina le classiche discipline della meccanica, idraulica, pneumatica, elettronica ed informatica per migliorare la funzionalità di un “sistema” tecnico produttivo. Rappresenta un ambito di attività strategico per la competitività del sistema manifatturiero italiano ed in particolar modo trentino. Il comparto della Meccatronica è caratterizzato dalla forte innovatività e dall'alto numero di brevetti registrati (circa 50 negli ultimi anni, pari al 50% del totale dei brevetti registrati da soggetti che operano in Trentino).

La filiera meccanica-meccatronica impiega oltre 800 imprese e 10.000 addetti sul territorio, nel quale la Provincia ha costituito un polo tecnologico dedicato: Polo Meccatronica a Rovereto, il luogo fisico di collaborazione tra mondo delle imprese, della ricerca, dell’innovazione e della formazione. Il Polo è supportato dai servizi ad alto valore aggiunto forniti da Trentino Sviluppo.

Va menzionata anche la presenza sul territorio di importanti realtà di ricerca che operano da anni nel settore della sensoristica e dei microsistemi, sia a livello di modulo/sistema sia di singole componenti tecnologiche. Ad esempio, i dipartimenti di Fisica e di Ingegneria dell’Università di Trento, il Centro per i Materiali e i Microsistemi della Fondazione Bruno Kessler (impegnato principalmente nello studio e sviluppo di dispositivi elettronici e di microsistemi integrati, MEMS, con particolare attenzione all’innovazione) la sezione di Trento dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (specializzato in sensoristica) e alcune unità del CNR (specializzate in micro-meccanica e micro-ottica).

 

Il termine “Meccatronica” indica l’area di attività che combina le classiche discipline della meccanica, idraulica, pneumatica, elettronica ed informatica per migliorare la funzionalità di un “sistema” tecnico produttivo.

La meccatronica rappresenta un ambito di attività strategico per la competitività del sistema manifatturiero italiano ed in particolar modo trentino. Il comparto della Meccatronica è caratterizzato dalla forte innovatività e dall'alto numero di brevetti registrati (circa 50 negli ultimi anni, pari al 50% del totale dei brevetti registrati da soggetti che operano in Trentino).

La filiera meccanica-meccatronica impiega oltre 800 imprese e 10.000 addetti sul territorio, nel quale la Provincia ha costituito un polo tecnologico dedicato: Polo Meccatronica a Rovereto, il luogo fisico di collaborazione tra mondo delle imprese, della ricerca, dell’innovazione e della formazione. Il Polo è supportato dai servizi ad alto valore aggiunto forniti da Trentino Sviluppo.

Il futuro della meccatronica in Trentino

 

Il Trentino, grazie ad importanti investimenti in progetti e infrastrutture innovative in ambito di meccatronica, materiali avanzati, nanotecnologie e fisica, sta definendo un proprio ruolo da protagonista in diversi ambiti specifici

Il territorio trentino spinge per portare nei processi i principi della fabbrica diffusa e delle tecnologie Industry 4.0. 

Automazione e robotica: Il futuro dell'industria in Trentino >> 

Scopri come il Trentino sta definendo il proprio ruolo nello scenario di frontiera della space economy.

La space-driven economy in Trentino >>

Il Trentino ospita centri di ricerca, sviluppo e produzione di importanti gruppi industriali operanti nel settore automotive.

Il settore automotive in Trentino >>

Esplorare le frontiere della medicina attraverso le tecnologie più avanzate che l’uomo è in grado di produrre. 

Il settore medtech in Trentino >>

ProM Facility 

ProM è il primo centro di innovazione "di sistema" visto che nasce dalla collaborazione tra Provincia autonoma di Trento, Trentino Sviluppo, Fondazione Bruno Kessler, Università di Trento e Confindustria Trento.

ProM (Mechatronics Prototyping) Facility è un laboratorio di prototipazione meccatronica unico in Italia, in cui è possibile ricercare, produrre e sperimentare prodotti innovativi in grado di combinare la meccanica tradizionale con i più moderni sensori e sofisticati sistemi di prototipazione virtuale e controllo elettronico.

Su una superficie di 1.500 metri quadrati, con macchinari e apparecchiature all'avanguardia del valore complessivo di 6 milioni di euro, il nuovo laboratorio permette di comprimere i tempi di sviluppo e prototipazione nell'ambito delle seguenti discipline:

  • meccanica: 3d printing, AM-machining, taglio laser di tubi e lamiera
  • elettronica: schede e sistemi integrati
  • ICT: simulazione, networking, Internet of Things
  • integrazione di sistema: prototipazione di prodotto
  • metrologia: misurazione accurata del prodotto, qualifica e certificazione

Imprese, studenti, professionisti: quello che ProM Facility è in grado di offrire in termini di servizi rappresenta un'eccellenza unica nel panorama nazionale

  • imprese della filiera meccatronica: una piattaforma integrata per la progettazione, lo sviluppo, la realizzazione e la verifica dei sistemi e dei processi produttivi alle 
  • studenti delle superiori, laureandi e dottorandi: percorsi di ricerca e formazione di eccellenza
  • personale tecnico aziendale del comparto meccanico e meccatronico: aggiornamento e di formazione specialistica in un contesto dinamico e all'avanguardia

L’iniziativa è realizzata nell’ambito del Programma operativo FESR 2014 - 2020 della Provincia autonoma di Trento grazie al sostegno finanziario dell’Unione europea - Fondo europeo di sviluppo regionale, dello Stato italiano e della Provincia autonoma di Trento.